loader

Come ridurre la voglia di dolce dopo aver mangiato - Equibrio
0

Carrello
0

Totale

0,00

Il prezzo dell'ordine non include le spese di spedizione.
Le spese di spedizione verranno calcolate nel prossimo step.

Blog

Come ridurre la voglia di dolce dopo aver mangiato

Come ridurre la voglia di dolce dopo aver mangiato
08
Ott
2019

Ti è mai capitato di avere un’irresistibile voglia di dolce alla fine del pranzo o della cena? Ecco alcuni consigli per sopravvivere senza cedere alle tentazioni

Gli alimenti che ingeriamo nel corso della giornata influenzano il nostro sistema ormonale e metabolico, determinando la sensazione di sazietà che proviamo dopo aver mangiato o il vuoto cosmico che ci attanaglia a metà mattina/pomeriggio.

Che il cibo sia collegato al benessere psicofisico non è una novità: fin dall’antichità, infatti, alcuni cibi venivano utilizzati come rimedio per i malanni di stagione, quello che non si sapeva era l’importanza dell’abbinare correttamente i vari macronutrienti l’uno all’altro.

Ci spieghiamo meglio.

La tipologia di alimento che viene introdotta nel nostro corpo, soprattutto durante il primo pasto della giornata, influenza il nostro metabolismo durante tutto il resto della giornata. Non è una questione di calorie ma di corretto abbinamento dei cibi. Se a colazione consumi una quantità eccessiva di carboidrati semplici o zuccheri come biscotti, marmellata e muesli, è probabile che dopo una o due ore si verifichi un effetto ipoinsulinemico ovvero una produzione eccessiva di insulina che va ad abbassare troppo il livello di zuccheri nel sangue, stimolando l’appetito. Il cervello, in questi casi, va letteralmente in tilt, facendoci provare una sensazione di fame molto elevata che ci può portare ad ingerire qualsiasi cosa troviamo.

Per questo motivo è molto importante fare attenzione a ciò che si mangia durante i pasti, consumando la giusta quantità di proteine e fibre, che ci fanno rimanere sazi più a lungo e mantengono il nostro corpo in una situazione di equilibrio ormonale durante tutta la giornata.

I cibi che aiutano ad eliminare la voglia di zuccheri

Lo zucchero è una vera e propria droga, si sa. Durante la digestione tutti gli zuccheri complessi vengono scissi nei relativi zuccheri semplici (glucosio, fruttosio, galattosio ecc…) dal momento che le cellule utilizzano questi ultimi per produrre energia.

Se però noi educhiamo il palato ai dolcificanti naturali saremo in grado di soddisfare la voglia di dolce evitando gli squilibri di glucosio nel sangue. Ecco alcuni esempi:

La cannella, una cura naturale per il diabete di tipo 2

Questa spezia ha l’incredibile proprietà di ridurre i livelli di zucchero nel sangue e genera una forte sensazione di sazietà. La si può assumere in aggiunta ai dolci oppure all’interno di infusi.

La zucca, ricca di fibre

Questo alimento contiene molti idrati di carbonio ma il suo alto contenuto di fibra ne consente il lento assorbimento. È un piatto autunnale che si può mangiare anche crudo oppure cotta e in versione dolce. I semi di zucca sono, inoltre, uno dei più antichi rimedi per combattere i parassiti intestinali!

La carota, una verdura poliedrica

Questo alimento, come la zucca, contiene idrati di carbonio complessi che vengono assorbiti gradualmente e non provocano picchi di glucosio. Si può assumere cruda, all’interno di insalatone ma anche cotta o sotto forma di succo, magari in abbinamento alla mela.

Un dolcificante naturale, la stevia

Questa pianta è originaria del Paraguay e ha una quantità di zucchero pari a zero ma al tempo stesso un potere dolcificante abbastanza buono, che consente di combattere la voglia di dolci senza bisogno di ingerire altri zuccheri. È un alimento molto valido dal punto di vista nutritivo anche se presenta un difetto: un retrogusto di liquirizia che la rende inadatta ad alcune ricette.

La cioccolata fondente, povera di zuccheri ma ricca di gusto

Se la voglia di dolce non vi lascia scampo, infine, potete ricorrere all’alimento più amato dalle donne e non solo: la cioccolata fondente!

Se parliamo di quelle tavolette composte da almeno 45% di pasta di cacao allora possiamo affermare che siamo in presenza di un cibo che è in grado di prevenire molti disturbi che vanno dall’ipertensione al diabete di tipo 2, proteggendo l’organismo dalle malattie cardiometaboliche. Quindici grammi di cioccolata fondente (almeno all’80%) consente di togliersi la voglia di dolce senza ingerire sostanze nocive per il proprio corpo. La sensazione che arriva al cervello, quando si assapora questa prelibatezza, produce un benessere paragonabile ad un’abbuffata di dolci, provare per credere.

In definitiva quindi, fidatevi dei nostri consigli e vedrete che col passare del tempo la voglia di dolci diminuirà notevolmente e la vostra salute vi ringrazierà!

Lasciati tentare... contattaci!

Informativa Privacy
Letto e compreso
Attività di marketing:
do il consensonon do il consenso

Attività di profilazione:
do il consensonon do il consenso